Maggiora Park

  • Stampa

 maggiora

Mottaccio del Balmone, ossia Maggiora, ossia Motocross  uguale grandi EMOZIONI. In questo weekend la stupenda pista piemontese nelle colline Novaresi ha ospitato la prova di Campionato del Mondo della specialità e ... sono state emozioni intense. Emozioni non solo legate alle performance sportive e alle prestazioni dei piloti, emozioni per quello che si è vissuto nella sua totalità, nell'essere lì a cogliere l'attimo.

Ritrovarsi in uno dei primi circuiti Europei permanenti, che già dal 1958 ha ospitato prestigiose gare con presenti i migliori campioni, che vide la sua consacrazione a livello mondiale con  le varie edizioni del Motocross delle Nazioni nel ’70, ’75 e ’80, ma soprattutto con quell'incredibile edizione del ’86 che è passata alla storia come forse la più bella mai disputata con 50.000 spettatori a far da cornice, creando lo spartiacque tra il Motocross moderno e quello passato,  toccare con mano la storia di questo sport.

Fino agli anni ’90 su questo tracciato si sono disputati Gran Premi Iridati e edizioni del Master of Motocross per poi interrompere l’attività negli anni 2000 fin quando due giovani imprenditori hanno voluto far tornare alle origini la struttura di Maggiora.  E’ stata la volontà degli amministratori della Schava Srl, Paolo Schneider e Stefano Avandero, a voler riportare alla ribalta il circuito che ha regalato indelebili pagine di storia al motocross. Da quella idea di rendere concreto il sogno si è passati alla fase pratica e realizzativa. Due anni: bonifica di oltre 110.000 mq di terreni in stato di degrado, 250 giorni di lavoro con 27 imprese coinvolte per un totale di 250 persone. Numeri importanti: 20 km di cavi elettrici, 2 km di tubazioni di gas, acqua e scarichi con oltre 50 tonnellate di acciaio e 5 di vetro. Tante persone coinvolte in un progetto che  nelle giornate di gara, ha impiegato 150 volontari  e 400 addetti ai servizi  che hanno gestito  al meglio le oltre 25.000 persone venute per partecipare alla festa.

Tanti tifosi  italiani e appassionati, ad incitare il talento del sei volte Campione del Mondo Antonio Cairoli, il "Guerriero" Philippaerts, Davide Guarnieri, Ale Lupino, la fortissima Chiara Fontanesi e tutti i piloti italiani ma anche un gran numero di tifosi dei piloti stranieri.

Senza rivalità, senza tifoserie ma veri appassionati a godersi l’atmosfera a portata di tutti del motocross, molti bambini e famiglie. Nel paddock non ci sono eccessi o esagerazioni, tutto è rapportato al momento, alla situazione, i piloti non sono star inarrivabili ma "ragazzi" come te che si nutrono di passione e che in mezzo al fango, la terra e la polvere si divertono. Non capita in molti altri sport di poter salutare e stringere la mano ad un pluricampione del mondo come Stefan Everts o altri campioni del tassello.

Alla partenza della gara  l'adrenalina  va subito a mille, il cancello si abbassa, la terra trema il rombo dei motori è al massimo e la pelle d'oca pure.

 

Poi sorpassi, cadute e tutto quello che solo una gara di Cross sa trasmettere. Per la cronaca e i risultati basta visitare qualsiasi sito generalista, un applauso va a Chiara Fontanesi che ha confermato la sua classe con una bellissima vittoria in gara. Ennesima conferma del fenomeno Herlings nella MX2 mentre è sfumata l’attesa –per molti quasi scontata – della vittoria del Tony nazionale andata al francese Paulin nella top class.

Il campione ha regalato emozioni a tutti con cadute, rimonte, una manche corsa con dolori e botte, raggiungendo  un terzo posto, complice anche due cadute, quasi a voler attribuire ancor di più l’importanza del ritorno di Maggiora.

tony

Come a dire prima viene la pista e poi noi piloti. Un grande grazie a tutti i piloti Italiani, a quelli stranieri, ai Team, all'organizzazione e al grande, fantastico pubblico  del tassello che ha reso memorabile una bella giornata di Sport. Da parte nostra speriamo che l’attività di Schava Srl che con il comune di Maggiora ha una convenzione fino al 2021 per manifestazioni di Motocross prosegua su questa stada. Il punto fermo è l'accordo di 5 anni con Youthstream per il Campionato Mondiale e il Motocross delle Nazioni nel 2016.

Il Progetto Maggiora Park prevede la creazione di una  grande area verde per attività non solo legate al mondo del cross legate al cross, l’utilizzo dell’intera area dello storico tracciato per un “bike park”, sia per iniziative competitive di MTB e Freeride sia per semplici gite domenicali, il calendario delle iniziative è fitto, prevede concerti musicali e manifestazioni sportive di diverso genere. Il prossimo appuntamento è per Settembre 2013...per vivere nuove emozioni.