Kenan il guerriero

Dopo il round WSB di Imola in programma questo week end ci sarà l’addio al motociclismo di Kenan Sofuoglu, il forte pilota Turco che per anni è stato il pilota da battere nella classe SSP.

 

Decisiva nella decisione del pilota gli ultimi infortuni  subiti che hanno minato ulteriormente un fisico segnato da mille battaglie, l’ultimo in ordine di tempo patito nella gara inaugurale in Australia che aveva fatto riemergere dei problemi al bacino fratturato lo scorso anno a Magny Cours.

La Supersport era  il suo regno, era stato campione nel 2007, 2010, 2012, 2015 e 2016, chiunque arrivava sapeva che per vincere avrebbe dovuto sconfiggere KENAN il guerriero.

Sofuoglu non è uno qualunque ma un pilota con una motivazione e determinazione d’acciaio che gli ha permesso di superare prove che avrebbero messo in ginocchio molti. Un pilota oltre agli infortuni ha dovuto superare la morte di due fratelli e del figlioletto appena nato. Per dare un idea della incredibile determinazione del guerriero Turco basti ricordare che lo scorso anno con ancora la matematica che non lo condannava, è risalito in moto per correre l’ultima gara della stagione dopo 35 giorni dalla frattura del bacino.

In quella occasione ha compiuto un impresa che nessuno credeva possibile e cosa ancora più incredibile è pure stato capace di salire sul podio.

La Supersport  dopo questa domenica perderà il pilota dei record, quello capace di ottenere quasi il 70 per cento dei podi in percentuale delle gare disputate, il pilota detentore del maggior numero di podi e giri veloci nella categoria, perderà un grande combattente, perderà il suo Re.

Sofuoglu una volta tolta la tuta di pelle si metterà al lavoro con la sua scuola di piloti con l’obbiettivo di far approdare al mondiale tanti ragazzi Turchi.

 L’annuncio dell’ultima gara per Sofuoglu, è stato dato dallo stesso pilota attraverso la sua pagina Facebook: “Come desidera il Presidente Tayyip Erdogan, mi ritiro dalle gare questo fine settimana. Celebrerò l’anniversario dei miei 20 anni di corse questo fine settimana! Negli ultimi due mesi ho riportato alcuni infortuni che hanno spaventato la mia famiglia e il nostro Presidente. Decido così di ritirarmi dalle corse prima di quanto pensavo, ma non posso dire di essere triste perché ci sono già alcuni piloti turchi che ho allenato, che correranno e porteranno in alto la nostra bandiera. Vent’anni fa ho iniziato la mia carriera agonistica con l'obiettivo di correre nei campionati del mondo, ho vinto cinque volte il titolo mondiale e sono molto grato per questo. Molte persone mi hanno supportato in tutta la mia carriera e voglio ringraziare tutti per questo. A Imola correrò per l’ultima volta, per il Kawasaki Racing Team e per tutti i miei tifosi”.

Grazie di tutto Kenan, grazie grande guerriero

 

 

Le fiabe dei Motociclisti

Loris Capirossi - il romanzo