Poche altre esperienze sono in grado di regalare emozioni così intense quanto il mondo del tassello.

Qui racconteremo di emozioni vissute nel fango tra salti, mulattiere e guadi.

Un perfetto week-end di enduro

Come spesso capita è davanti ad un piatto di cibo o ad un buon bicchiere di vino che le giornate belle e divertenti prendono corpo e forma. L’idea era di passare un weekend, con lo scopo di divertirsi ed evadere dallo stress e dalla frenesia della vita cittadina, abbinare alla fuga la passione comune che nel nostro caso ha due ruote e un motore.

Leggi tutto: Un perfetto week-end di enduro

Fuori cena - Emozioni esclusive.

 

A volte ci sono emozioni che sembrano essere inconciliabili. Metti da una parte le emozioni di un giro in fuoristrada, magari su una di quelle strade da sempre meta o sogno di ogni praticante di off-road con relativa e immancabile notte in tenda, e dall'altro le emozioni che si possono vivere gustando cibo e vino di classe in un contesto di eleganza. Eleganza e una notte off-road, quasi un ossimoro. Quasi... fino alla prima edizione del FuoriCena.

Leggi tutto: Fuori cena - Emozioni esclusive.

Di traverso - Flat track school.

 

Non ci stancheremo mai di riperterlo: nessun oggetto inanimato, anche se per molti le due ruote hanno un'anima, trasmette emozioni come le moto. Ci sono però alcune moto in grado di trasmettere emozioni più intense e, concedetemi il termine, positive. Perchè se alcune moto possono possono mettere soggezione, intimorire, creare un timore reverenziale altre sono pura gioia, allegria e tanto, tanto divertimento. Emozioni pure, cristalline e senza filtri. Stiamo parlando di quelle moto che vanno di traverso, quelle che non hanno bisogno del freno anteriore, e sono il tramite a stati d'animo fanciulleschi. Le moto che si possono guidare alla DitraversoSchool.

Leggi tutto: Di traverso - Flat track school.

Dakar - Emozioni di un passato che non c'è più.

 

Il 4 gennaio 2008 la prima Dakar, quella sognata da Sabine morì: addio Africa. La vigilia di Natale 2007 in Mauritania una famiglia francese, che si era fermata a bivaccare lungo una pista, venne sterminata da quattro persone che dichiarò di far parte di Al Qaeda. Seguì poi una dichiarazione “Se la Dakar passerà da queste strade verrà attaccata e i Francesi saranno il primo bersaglio”. Nonostante le assicurazioni del governo mauritano, 4.000 soldati messi a presidiare le zone di passaggio, nessuno volle prendersi la responsabilità di far partire quella gara e poco prima della partenza, a Lisbona, venne ufficializzata la cancellazione dell'edizione di quell'anno, mettendo fine a un'epoca straordinaria. Africa addio, appunto, addio a quell'irrepetibile periodo colmo di sogni, imprese ma anche dolori e tragedie.

Leggi tutto: Dakar - Emozioni di un passato che non c'è più.

Scuola di MotoCross in Rosa

 La moto  si sa è un mezzo che per quanto inanimato è in grado di regalare grandi emozioni, capace di emanare un fascino magnetico in grado di stregarti e farti innamorare perdutamente di lei.

Leggi tutto: Scuola di MotoCross in Rosa

Dutto quarto al mondiale Baja

Di Nicola Dutto abbiamo già avuto modo di parlare. La sua storia, la sua lezione di vita dovrebbe essere portata a esempio a tanti, ma oggi siamo qui a narrare di cronaca sportiva, di risultati, dell'incredibile prestazione di un pilota unico, un pilota in grado di andare oltre...

Leggi tutto: Dutto quarto al mondiale Baja

Le fiabe dei Motociclisti

Loris Capirossi - il romanzo