VISITA IL NOSTRO CANALE YOUTUBE

VARESE TI METTE IN MOTO

 

Tutti in sella dai 4 agli 80 anni per l'evento "Varese ti mette in moto"che si terrà all’Ippodromo di Varese sabato 17 e domenica 18 giugno 2023. Due giornate all'insegna dello Sport, divertimento e sicurezza stradale con molteplici attività proposte, dai corsi gratis per bimbi ai test ride delle ultime novità del mercato.

Leggi tutto: VARESE TI METTE IN MOTO

MAGNI MOTO- 45° ANNIVERSARIO

 

Magni moto in questo 2022 festeggia 45 anni di attività e per la ricorrenza l'associazione Varese terra di motori con Ciapa la moto hanno organizzato una serata per celebrare quest'orgoglio Italico e eccellenza Varesina.

Leggi tutto: MAGNI MOTO- 45° ANNIVERSARIO

La prima squallida e banale domanda.

Quando mi hanno chiesto di tenere questa rubrica ero un pò titubante, il web è stracolmo di gente in grado di redigere articoli e interventi di grande spessore. Così come è pieno di funaboli che giocano e dissacrano l'ambiente in maniera fine ma incisiva. Nonostante questo ho detto di sì, per dare un pò di movimento a questo sito che si ancora su crociate "educative", "formative" con ambizioni che sono proprie solo dei grandi numeri.

L'emozione mi piace, io sono uno che vive per provare emozioni e mi piacciono le persone che decidono di intervistare e le interviste fatte, anche se datate mese, alcune anni sono quantomai attuali. E allora voglio proprio partire da lì, saranno loro a dammi lo spunto a fare quello che mi piace di più: porre domande.

Giusto per non cadere nel luogo comune, nel così fan tutti, nel trattare l'argomento più a portata di massa, ma non mi hanno forse chiamato per portare la massa aumentando la loro visibilità?

Ecco la prima, scontata retorica domanda: come mai una moto che nelle ultime tre corse del 2010 ha vinto e fatto un secondo posto salendo nove volte sul podio (con tre vittorie) nelle due stagioni successive ha fatto come massimo risultato due terzi nella stagione 2011 e due secondo nella 2012?  Come mai questa involuzione nonostante l'entrata in forza del pluricampione del mondo che a detta di tutti era il miglior sviluppatore di moto?

A queste domande l'Italia si è divisa, con situazioni al limite del grottesco e tifoserie da stadio pronte a dare la colpa all'uno e all'altra. Aver portato il motociclismo alle masse ha di fatto creato anche questi assurdi anacronismi in uno sport che solo pochi anni fa era sinonimo di passione e sacrificio.

 

Motoemozione in TV

 
Continua il nostro impegno verso il progetto di "educazione all'emozione" e in questi mesi oltre ad aver avuto il piacere di ospitare sulle nostre pagine importanti personaggi del mondo delle due ruote ed aver ricordato uomini che con le loro gesta, la loro determinazione e volontà, ci hanno lasciato un insegnamento, nel mese di febbraio abbiamo avuto la possibilità di partecipare alla trasmissione Griglia di Partenza del giorno 28.02.2103.
La partecipazione ci ha dato la possibilità di parlare del nostro sito agli ospiti della trasimissione ed anche, ovviamente, a tutto il pubblico di casa.
Ringraziamo il gentilissimo Franco Bobbiese e vi auguriamo una buona visione.
 
Il nostro intervento ad 1h45' circa.
 

1

E' passato solo un mese eppure il tempo trascorso sembra molto di più. E' passato solo un mese da che la foto del dr. Costa troneggiava sulla homepage. Diverse interviste, molti articoli, tanti contatti. Motoemozione sta facendo i primi vagiti ed è gratificante avere riscontri ed attestati di stima, così come sapere che abbiamo polmoni forti e le nostre urla si riescono a sentire fin da lontano.  

Tante cose abbiamo in programma di fare, siamo solo al'inizio. Questo primo mese di prova ci ha dato la convinzione che siamo sulla strada giusta: raccontare emozioni e dar voce a chi ha vissuto o ci ha fatto vivere emozioni è la strada che vogliamo perseguire. Inoltre crediamo che educare all'emozione è possibile....educare all'emozione delle due ruote.

Questo mese ricorre un evento che ha toccato tutti, vogliamo semplicemente ricordare quel ragazzo che ci ha fatto provare emozioni uniche mettendo il Suo numero in alto al nostro sito. Perchè non esistono parole per raccontare quel tipo di emozioni o forse vogliamo tenerle per noi, sono troppo intime e rappresentano una ferita ancora aperta. Sono però proprio le emozioni che ci ha regalato Marco da prendere ad insegnamento, è il suo modo di approcciarsi alla vita da portare ad esempio a tutti, il suo essere guerriero una volta abbassata la visiera ma essere una persona di una gentilezza, simpatia e disponibiità rara una volta sceso dalla moto.

Educare all'emozione delle due ruote, per provare a essere gli attori della propria vita in cui il motore di tutto devono essere proprio loro, le emozioni. Un impresa difficile impegnativa che però Marco è stato in grado di compiere ed anche per questo lo ringrazieremo sempre.

I migliori prodotti per bikers solo da